Vaccini, morbillo (e non solo): servono interventi strutturali

Una piccola postilla al post sull’emergenza morbillo in Italia.
Parto da un caso raccolto in questi giorni: mamma, collega, con figlia di 5 anni e mezzo, preoccupata perché non ha ricevuto la lettera dell’ATS (ex ASL) per i richiami dei vaccini morbillo-parotite-rosolia e difterite-tetano-pertosse-polio. Dal momento che ha effettuato da pochi mesi un trasloco teme che la lettera possa essere andata persa e tenta di contattare ripetutamente il servizio vaccinale, senza riuscire a prendere la linea perché i centralini sono intasati a causa della psicosi meningite e della caccia al vaccino (ricorda qualcosa?).
Fortunatamente è riuscita ad avere una prenotazione tramite un amico che aveva portato la figlia a effettuare i vaccini (e grazie alla cortesia dell’operatrice presente). Non proprio il percorso “corretto”.

Si tratta di un caso particolare: una mamma medico che conosce l’importanza delle vaccinazioni. Cosa sarebbe successo con un genitore non così attento e motivato (e con un operatore non altrettanto di buon senso)? Probabilmente non avrebbe effettuato il richiamo. E in tal caso, chi sarebbe da biasimare? I genitori? I servizi che stanno lavorando sotto pressione?
Si può discutere a lungo se qualche forma di obbligo possa o non possa essere utile, ma a monte occorre elaborare programmi, strategie, interventi e mettere gli operatori in condizioni di lavorare in maniera adeguata.
Non sono gli interventi spot, occasionali, che possono produrre effetti, ma quelli sistematici e strutturali.

Purtroppo, nelle ultime settimane sono molte le testimonianze dirette della situazione di criticità in cui si trovano a operare i servizi vaccinali, in parte come conseguenza dell’epidemia mediatica di meningite e in parte, forse, per limiti presenti da tempo. Una situazione di affollamento non è sicuramente il contesto ideale per poter fornire ascolto, per chiarire dubbi e interrogativi, per poter rassicurare.
Ampliare l’offerta del numero di vaccinazioni può andare incontro a un’esigenza di equità di accesso su tutto il territorio nazionale, ma se si risolve soltanto in un maggior carico di lavoro per gli operatori dei servizi difficilmente potrà produrre un aumento del numero di bambini vaccinati.