E’ emergenza morbillo in Italia?

Dopo l’emergenza meningite è ora il turno del morbillo. Quotidiani e telegiornali hanno, infatti, dato ampio risalto a un comunicato del Ministero della Salute sull’aumento dei casi di morbillo nei primi due mesi del 2017 rispetto all’anno precedente:

A fronte degli 844 casi di morbillo segnalati nel 2016, dall’inizio dell’anno sono già stati registrati più di 700 casi, con un incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in cui si erano verificati 220 casi, di oltre il 230%.

Confrontare i dati dei primi due mesi del 2017 con lo stesso periodo dell’anno precedente potrebbe, però, portare a conclusioni distorte.
Come afferma Cristina Da Rold in un articolo su oggiscienza.it il dato va contestualizzato considerando l’andamento temporale dei casi di morbillo. Analizzando le segnalazioni dell’ultimo rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità si osserva che i casi di gennaio 2017 sono superiori a quelli dello stesso mese del 2016 e 2015, ma in linea con quelli del 2014 e del 2013.

Casi_morbillo
Casi di morbillo segnalati in Italia, 2013-2017. Fonte: Istituto Superiore di Sanità

Non ci troviamo di fronte, perciò, a un evento nuovo e inaspettato.
Il morbillo ha un andamento ciclico, che produce dei picchi nell’incidenza ogni 3-5 anni.
E’ troppo presto, quindi, per poter affermare che stiamo affrontando un aumento drammatico del morbillo dovuto alla riduzione delle coperture vaccinali.
L’emergenza morbillo in Italia, se proprio di emergenza si vuole parlare, è cronica e nota da tempo. Nonostante l’oscillazione nel tempo dei casi segnalati, da anni l’Italia è tra le nazioni europee con la maggiore incidenza di morbillo, a causa di coperture non ottimali.

Coperture non ottimali che si sono ulteriormente ridotte negli ultimi anni. Di fronte al presunto drammatico aumento dei casi, c’è chi propone di inserire anche la vaccinazione morbillo-parotite-rosolia tra quelle obbligatorie, così da superare le resistenze dei genitori nei confronti del vaccino. Può essere una soluzione efficace? Difficile da documentare. Stando ai dati europei del progetto ASSET non sembra esserci una correlazione tra obbligatorietà del vaccino e percentuale di bambini immunizzati. La Romania sta recentemente affrontando un’epidemia di morbillo, nonostante sia tra le nazioni in cui il vaccino MPR è obbligatorio. L’obbligo potrebbe dunque non rivelarsi una strategia efficace.
Al contrario, ci si potrebbe chiedere in che modo sia stato possibile ottenere , tra il 2007 e il 2012, nonostante la mancanza di obbligo, una copertura contro il morbillo del 90% in Italia, con regioni superiori o vicine alla soglia del 95%, desiderabile per l’eliminazione della malattia. Nel 1996 il tasso di vaccinati era del 56% e nel 2001 del 76%; se in pochi anni è stato possibile convincere molti genitori a vaccinare i propri figli è perché sono state messe in atto campagne informative e di offerta attiva efficaci. E forse parte dell’errore può essere stato pensare che fosse sufficiente una campagna di durata limitata e non sostenuta nel tempo. L’inserimento di nuovi vaccini nel calendario non ha tenuto sufficientemente conto, a mio parere, della necessità di continuare a sostenere le vaccinazioni già adottate in precedenza. E quale impatto avrà il  piano 2017-2019, che nei primi 15 mesi di vita prevede la vaccinazione contro 14 malattie, da effettuarsi in 8 sedute (alcune a distanza di 15 giorni una dall’altra)? Il carico per genitori e operatori sanitari non è di poco conto, con il rischio che si riduca la possibilità di dedicare tempo per ascoltare e chiarire dubbi e timori.

Ha scritto Salvo Fedele in un post riguardo al modo in cui il (presunto) allarme morbillo è stato presentato:

Il compito della comunità scientifica non è quello di piegare i fatti di cronaca o una frettolosa lettura dei dati alle proprie tesi, ma di contribuire a spiegare la realtà senza forzature (al meglio delle proprie capacità e in base a interpretazioni che poggiano su solide base scientifiche).

Sono parole che condivido pienamente. Per quanto sia nobile lo scopo di tutelare la salute dei bambini, ritengo sbagliato enfatizzare eccessivamente i casi di morbillo per aumentare la consapevolezza nella popolazione o per giustificare un’eventuale decisione di estendere l’obbligo vaccinale. E’ una distorsione dei dati che, generalmente e giustamente, imputiamo alla propaganda anti-vaccini. Utilizzare gli stessi mezzi sarebbe un errore, qualunque sia il fine.
Del resto, sarò eccessivamente ottimista, ma credo che si possa fare informazione e convincere i genitori del’importanza di vaccinare contro il morbillo (la parotite e la rosolia) anche senza calcare la mano su scenari apocalittici prossimi venturi.

P.S.: ho successivamente scritto una postilla sulla necessità di interventi strutturali per aumentare la percentuale di vaccinati

Le opinioni qui espresse sono del tutto personali

Annunci

2 pensieri su “E’ emergenza morbillo in Italia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...