L’epidemia mediatica… che si ripropone

“Meningite: l’epidemia è solo mediatica” è il titolo scelto dai ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità nel commentare il battage dedicato dai mezzi di informazione alla meningite.
Cambia il tema, ma l’epidemia mediatica è qualcosa che si ripropone, come succede con certi piatti poco digeribili.
Nonostante numerosi episodi avvenuti in passato, anche recente (p.es. pandemia H1N1, vaccinazione anti-influenzale, stamina, ebola),  l’approccio dei mezzi di informazione ai temi della salute continua a essere improntato al sensazionalismo e alla ricerca dello scoop. I mass media (quelli tradizionali più dei “social”) hanno non poca responsabilità nell’aver creato la psicosi meningite, dando ampia risonanza per giorni all’emergere di nuovi casi. Poco importa poi aver dato voce al parere degli esperti, quando le persone si erano ormai fatte persuase dell’esistenza di un pericolo, proprio per il grado di esposizione mediatica.

Scrive il sempre lucido Luca Sofri nel suo post “La pre-verità“:

Due anni fa i media tradizionali italiani furono protagonisti di uno dei casi meno trascurabili e perdonabili – di solito, a sottolineare le falsità dei racconti giornalistici si è accusati di pignoleria superflua – di diffusione di notizie infondate: quello in cui agli italiani fu raccontato che a vaccinarsi contro l’influenza si poteva morire, e tanti non si vaccinarono. A dimostrazione del fatto che non è cambiato nulla, in questi giorni sta succedendo di nuovo, in forma speculare. Dopo aver prodotto titoli sull’allarme meningite, la paura meningite, eccetera, incentivati sempre dai criteri terroristici su cui si basa gran parte della produzione di titoli – ma anche di articoli -, negli ultimi giorni quotidiani e telegiornali hanno ritirato la mano e si stanno addirittura chiedendo meravigliati da cosa nasca la “psicosi” di quei fessi degli italiani che ora fanno la coda per vaccinarsi e si agitano e protestano se non ci riescono. Il fatto – dimostrato, noto da subito, pubblicabile: volendo – che non ci sia nessuna emergenza e nessuna straordinarietà nei casi di quest’anno, viene ora presentato come una sorta di parere come un altro: tra virgolette, o attribuito a qualcuno, opinabile.

Sarà mai possibile avere un atteggiamento più responsabile da parte di chi si occupa di informazione nel momento in cui si ha a che fare con la salute delle persone?

Medici e ricercatori non sono comunque esenti da responsabilità. E non soltanto per gli arcinoti problemi di difficoltà nel comunicare e dell’autorevolezza ormai venuta meno e poco riconosciuta.
Tra gli esperti c’è chi è convinto che il modo migliore per indurre le persone a vaccinarsi sia fare leva sulla paura delle malattie.
La psicosi meningite può dare ragione a questi esperti? E’ davvero la strategia migliore? La paura fa compiere scelte confuse e  non dettate dalla consapevolezza. Chi oggi corre alla ricerca del vaccino, due anni fa rifuggiva dalla vaccinazione contro l’influenza per paura che potesse uccidere. E’ un bene che aumenti il numero delle persone vaccinate contro la meningite? Forse. Ma non lo è quando non c’è governo, non c’è strategia. Ci saranno benefici per le singole persone, ma non è automatico che ne produrranno per la comunità in termini di maggiore protezione.
Sicuramente non è un bene l’aumento della pressione sui servizi vaccinali. Non è a costo zero e rischia di andare a discapito di chi necessita maggiormente delle vaccinazioni. Chi si assumerà la responsabilità di tutto questo? Chi, come si suol dire, pagherà il conto?

La psicosi meningite e la diffidenza verso i vaccini hanno molto in comune: la presenza di informazioni superficiali e contraddittorie e la mancanza di strumenti per comprendere e valutare in modo consapevole. I dati sulla meningite (pur con i loro limiti) sono liberamente consultabili, ma manca forse la capacità di leggerli e comprenderli.
La percezione del rischio è un fenomeno estremamente complesso da definire; in mancanza di un’educazione alla lettura critica diventa ancora più bizzarro.

Annunci

3 pensieri su “L’epidemia mediatica… che si ripropone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...