Il jazz è un dialogo tra musicisti

OggiScienza

770px-Louis_Armstrong_restored CRONACA – Mentre i musicisti jazz suonano, si attivano le aree del cervello utilizzate per interpretare la struttura sintattica delle frasi in una conversazione, come se fosse in corso un vero e proprio dialogo. Solo che è a colpi di jazz.

Al contempo, come spiega un nuovo studio pubblicato su PloS ONE, questa ‘conversazione musicale’ spegne le aree che invece sono legate alla semantica ed elaborano il significato del linguaggio parlato. Tramite risonanza magnetica funzionale (fMRI) la ricerca ha indagato l’attività cerebrale di alcuni musicisti jazz impegnati nel trading fours, l’esecuzione a turno di brevi assoli (generalmente quattro battute) come un botta e risposta. Durante la performance ognuno dei musicisti riesce a improvvisare una nuova melodia in risposta a quella appena ascoltata, e a modificarla durante il prosieguo dell’esecuzione

View original post 320 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...